eTranslation è un servizio di traduzione automatica online fornito dalla Commissione Europea (CE).

Il servizio è destinato alle amministrazioni pubbliche europee, alle piccole e medie imprese (PMI) e alle facoltà di lingue delle università o ai progetti del Meccanismo per collegare l'Europa (Connecting Europe Facility - CEF). 

eTranslation era stato lanciato già a partire dal 2017 ma con solo due lingue (inglese e tedesco) ed era riservato unicamente al personale delle istituzioni europee. Durante gli ultimi tre anni sono state progressivamente integrate le traduzioni in tutte le 24 lingue ufficiali dell’Unione europea, e inoltre anche in russo, norvegese e islandese. Anche le categorie che possono avere accesso al servizio sono state ampliate e dal 2020 è stato aperto anche alle PMI.

Il personale che lavora per le pubbliche amministrazioni, le facoltà di lingue e le PMI può registrarsi gratuitamente dopo aver ottenuto un account ECAS (European Commission's main Authentication Service – il servizio di autenticazione che permette di accedere a tutte le piattaforme dell‘UE).

eTranslation può tradurre brevi frammenti di testo non formattati (fino a 2500 caratteri). L'obiettivo è quello di fornire una traduzione automatica di qualità per tutte le lingue dell'UE attraverso un sistema sicuro che protegga la privacy e i diritti di proprietà intellettuale al richiedente della traduzione automatica. I documenti originali e le traduzioni vengono infatti rimossi dal sistema entro 24 ore.

È possibile caricare fino a dieci documenti, e se si seleziona più di una lingua di destinazione, ogni documento viene tradotto in tutte le lingue di destinazione selezionate. Per fare un esempio pratico: se si caricano due documenti in italiano e si selezionano “inglese” e “tedesco” come lingue di destinazione, il servizio restituirà la traduzione di entrambi i documenti sia in lingua inglese che in lingua tedesca.

Al momento è inoltre aperto un bando di gara con un budget pari a 4 milioni di Euro per progetti transnazionali che coinvolgono almeno due lingue diverse parlate negli Stati membri dell'UE, l'islandese e/o il norvegese. Queste sovvenzioni sono destinate a progetti con uno dei seguenti obiettivi:

  • contribuire all’ampiamento delle risorse linguistiche per lo strumento di traduzione automatica del CEF attraverso l'archivio del Coordinamento europeo delle risorse linguistiche (ELRC-SHARE),
  • rendere disponibili liberamente e apertamente attraverso ELRC-SHARE strumenti già esistenti, specifici per le lingue, con capacità multilingue;
  • integrare lo strumento di traduzione automatica di CEF nei servizi pubblici online esistenti, nelle amministrazioni pubbliche o nelle PMI.

La scadenza per la presentazione delle proposte progettuali è il 12 maggio 2020.

[1] Il CEF è uno strumento di finanziamento dell'UE per promuovere la crescita, l'occupazione e la competitività attraverso investimenti infrastrutturali mirati a livello europeo. Esso sostiene lo sviluppo di reti transeuropee ad alte prestazioni, sostenibili ed efficientemente interconnesse nei settori dei trasporti, dell'energia e dei servizi digitali.

Giulia firma web

La versione completa in PDF  è scaricabile qui.

Le altre edizioni degli EU Update sono consultabili qui.

Tags: EU Updatesingle market and SMEs_itSouth Tyrol