Indice articoli

In questo numero parliamo della nuova iniziativa della Commissione europea che punta a stabilire un ponte fra piccole e medie imprese (PMI) e ricercatori. Ce la illustra Alessandro Quadri di Cardano, che si occupa di implementare questa misura per l’EASME. Vi invitiamo a partecipare!

In particolare gli articoli si concentrano su diversi aspetti (la versione completa è scaricabile qui):

  • EASME

L’EASME è l’Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese (Executive Agency for Small and Medium Enterprises) dell’Unione europea. La sua azione si svolge in quattro ambiti: supporto alle PMI, ambiente, energia, settore marittimo. Si occupa quindi di attuare le priorità e i programmi stabiliti dalla Commissione europea e approvati dal Parlamento europeo e dal Consiglio europeo.

  • H2020 SME Innovation Associate – Vier Schritte zur erfolgreichen Anmeldung

Falls Sie beim Pilotprojekt „Horizon 2020 SME Innovation Associate“ teilnehmen möchten, muss innerhalb 30. Juni 2016 (17:00 Uhr) das entsprechende Ansuchen digital eingereicht werden. Dazu müssen Sie zuerst einen ECAS-Account einrichten, dann das Antragsformular herunterladen, das eigene Unternehmen registrieren und anschließend den Antrag einreichen. Hier finden Sie eine Schritt-für-Schritt-Anleitung dieser vier Phasen.

  • FOCUS ON: ECAS

L’ECAS (European Commission Authentication Service) è il servizio di autenticazione della Commissione europea. Esso permette di connettersi a tutta una serie di siti web e di servizi online gestiti dalla Commissione, semplificando le procedure e assicurando la coerenza.

  • Intervista: SME Innovation Associate, ne parliamo con Alessandro Quadri di Cardano

Quest’anno è stato lanciato un nuovo progetto pilota, chiamato “SME Innovation Associate”, ci può dire a chi è diretto e qual è il suo obiettivo?

Il programma ha come obiettivo quello di superare le barriere al reclutamento da parte di PMI e startup di personale altamente specializzato . Si rivolge a delle imprese europee con una idea innovatrice il cui sviluppo necessita figure professionali di alto livello non facilmente reperibili nel contesto nazionale a causa di costi elevati, poca visibilità o mancanza di "branding" dell'impresa. Oppure per la sua collocazione geografica lontana da grandi centri urbani. La scommessa della Commissione europea è che facilitando l'incontro tra una PMI con un’idea innovatrice da sviluppare e un ricercatore di talento si creerà innovazione, sviluppo e lavoro.


Nella pratica come si sviluppa?

Le imprese devono inviare entro il 30 giugno un formulario in cui spiegano in dieci pagine la loro idea, il profilo che vorrebbero reclutare e come intendono sfruttare questo profilo specializzato. Sulla base di questi elementi la Commissione europea sceglierà le 90 idee più innovatrici e fornirà un aiuto finanziario volto a coprire interamente i costi di reclutamento, a pagare il trasferimento del ricercatore e a coprire l'organizzazione da parte delle imprese di una formazione specifica volta a facilitare l'integramento del nuovo impiegato nell'azienda. Per finire la Commissione organizzerà una formazione per il ricercatore e per il suo supervisore nell'azienda volta a completare il suo profilo con nozioni di innovazione industriale e business management e anche questi costi saranno interamente coperti dalla Commissione.