L'arte del Trentino Alto Adige sposa Bruxelles.

E' stata inaugurata il 15 giugno presso l'Ufficio di Rappresentanza della Regione europea Tirolo-Alto Adige-Trentino a Bruxelles la mostra personale della pittrice trentina Patrizia Deflorian.

A fare gli onori di casa l'eurodeputato On. Herbert Dorfmann, che nel suo intervento di presentazione dell'artista ha sottolineato l'importanza della cultura e dell'arte come strumenti di coesione e vero scambio.

Se ne sono rese artefici la Provincia autonoma di Bolzano e la Provincia autonoma di Trento, nel portare a Bruxelles una artista di origine trentina “scoperta” in Alto Adige dal Maestro Celso Cavosi,

L'arte e la cultura come veicoli di vera integrazione europea hanno costituito il tema che il Prof. Jan Bastyns ha ripreso durante la presentazione dell'artista. Astrazione, energia, fantasia e varietà dei colori, come rimarcato dal Prof. Bastyns, sono i punti forti della mostra, che si concluderà il 30 giugno.

IMG 3244

Tags: NewsCulture and Education itaSouth TyrolTrentino

Report "Is your housing stock fit for the future?"

Il 31 maggio 2016, presso l’Ufficio europeo della città di Göteborg la Commissione Europea ha presentato una relazione provvisoria sull’efficienza energetica e quali siano le modifiche delle direttive necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici. In seguito sono stati presentati diversi esempi di progetti di edilizia efficiente dal punto di vista energetico.

La versione completa è scaricabile qui.

Tags: EU Policyenergy_and_environment_ITASouth Tyrol

Report "Integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro"

Il 1 giugno 2016, presso la rappresentanza dello Stato Libero della Baviera sono state presentate le iniziative che quest’ultimo sta promuovendo in tema la Integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro. In seguito è stata organizzata una tavola rotonda sulle pratiche di accoglienza ed inclusione dei migranti in Europa.

La versione completa è scaricabile qui.

Tags: EU PolicyCulture and Education itasocial affairs itSouth Tyrol

€uroflash Nr. 5/2016: Salute

In questo numero parliamo delle iniziative della Commissione europea sulla tema della salute.

Tags: Euroflash (IT)health and consumer itaSouth Tyrol

Leggi tutto...

Newsletter von Tirol vom 15.06.2016

Tirol in Europa 20-16

Tags: NewsletterNewsletter TyrolTyrol

Leggi tutto...

ERRIN Energy Village - Evento di lancio

La Rappresentanza comune della Regione europea Tirolo, Alto-Adige, Trentino ha dato il via all'ERRIN Energy Village, l'insieme di eventi organizzati dalle Regioni che compongono la rete Errin in occasione della Settimana europea dell'energia sostenibile, promossa dalla Commissione europea.

In occasione di questo evento di lancio si è tenuto il seminario “Regions as Hubs for Innovation and Growth in Energy”, durante il quale sono state illustrate alcune best practices e le migliori policy e progetti delle Regioni parte del network.

  • 1.JPG
  • 2.JPG
  • 3.JPG
  • 4.JPG
  • 5.JPG
  • 6.JPG

Ha aperto i lavori l'On. Miapetra Kumpula, europarlamentare finlandese membro della Commissione Industria, Ricerca e Energia del Parlamento europeo, che ha sottolineato l’importanza di studiare soluzioni innovative e condivise per affrontare i cambiamenti climatici a livello europeo e su scala globale. Ciò include la revisione del sistema delle emissioni industriali, l’innovazione e modernizzazione dei fondi di promozione delle risorse rinnovabili e la creazione dell’Unione energetica, come strumento per ampliare le opportunità delle imprese europee di espandersi e conquistare maggiori segmenti di mercato. L'On. Kumpula ha inoltre ricordato la necessità di creare cluster che puntino sulla specializzazione regionale e che sappiano sfruttare al meglio le caratteristiche e le tradizioni che ciascun territorio possiede.

Angel Molina, Università di Cartagena (Spagna) ha illustrato il progetto Enering, realizzato nell’ambito del programma Life e volto a implementare l’utilizzo di biomasse e pannelli fotovoltaici nei parchi industriali spagnoli al fine di ridurre le emissioni di CO2 e la dipendenza energetica - presentazione ppt 

Frederic Loeckx, Smart grids Flanders (Belgio), ha successivamente presentato la piattaforma per le reti energetiche intelligenti delle Fiandre - presentazione ppt

Bruno Woeran, Centro tecnologico di Merinova (Finlandia), ha introdotto il centro Merinova, un ente pubblico-privato di raccordo e coordinamento dei diversi attori presenti sul territorio (Università, imprese, autorità locali, enti di ricerca) - presentazione ppt

Sara Verones, Agenzia provinciale della Provincia autonoma di Trento per le risorse idriche e l’energia (Italia), ha presentato le iniziative, politiche e progettualità della Provincia di Trento ini materia di efficienza energetica, energie rinnovabili e riduzione delle emissioni di gas a effetto serra - presentazione ppt

Julia Panny, Climate KIC, ha presentato i gruppi e la metodologia di lavoro all'interno della Knowledge and Innovation Community (KIC) Clima - presentazione ppt

Infine, Kathrin Glastra, Fondazione Heinrich Boell (Germania), ha sottolineato la necessità di incrementare il dialogo con i diversi stakeholder al fine di raggiungere entro il 2030 l’obiettivo di produrre almeno il 27% dell’energia da fonti rinnovabili - presentazione ppt

 

Tags: event italianoTrentino

Il Parlamento europeo pubblica uno studio sul ruolo delle BNP nell'implementazione degli strumenti finanziari per le PMI

Il Parlamento europeo ha recentemente pubblicato uno studio che analizza il ruolo delle Banche nazionali e regionali di promozione (BNP e BRP) nell’implementazione degli strumenti finanziari destinati alle PMI all’interno dei 28 Paesi membri. L’obiettivo è comprendere quanto le BNP siano attive sul territorio nazionale e coinvolte nei processi di facilitazione dell’accesso al credito per tali categorie di imprese.

Lo studio sottolinea come le BNP e le BRP siano entità pubbliche, istituite principalmente per facilitare l’accesso al credito delle start-up e delle PMI in aree affette da fallimenti di mercato. Ciò nonostante, in alcuni Paesi dell’Unione il loro focus principale è il prestito di capitali alle autorità locali, al fine di realizzare investimenti infrastrutturali tramite partnership pubblico-private.

Le BNP operano:

1. attraverso la gestione condivisa assieme alla Commissione di alcuni strumenti finanziari europei, come i fondi strutturali e i fondi d’investimento,
2. come intermediari finanziari nell’implementazione degli strumenti gestiti direttamente dalla BEI e dal FEI,
3. nella sensibilizzazione degli istituti finanziari e di credito privati,
4. nella generazione di un effetto leva degli investimenti attraverso la promozione della partecipazione dei propri investitori alle piattaforme geografiche, tematiche e settoriali create attraverso il FEIS,
5. fornendo alle PMI informazioni e assistenza nell’accesso agli strumenti finanziari europei.

I dati dello studio, che raccomanda un maggiore coinvolgimento delle BNP e BRP nell’implementazione degli strumenti finanziari europei, sono stati elaborati tramite:

1. la raccolta documentale degli atti istitutivi e degli Statuti delle BNP nei diversi Paesi membri,
2. un sondaggio online che ha coinvolto 11 BNP e BRP,
3. interviste telefoniche e via mail con le BNP, i loro partner finanziari (house banks), le organizzazioni di settore di riferimento (NEFI e EAPB) e i rappresentanti della Commissione (DG Ricerca e Innovazione, DG Growth, DG Regio, DG Connect) e della BEI.

Tags: flash news italianosingle market and SMEs_itinvestments itTrentino

Report "Revisione della direttiva sul distacco dei lavoratori"

Il 25 maggio 2016, presso la rappresentanza dello Stato Libero di Baviera è stata discussa la Revisione della direttiva sul distacco dei lavoratori.

La versione completa è scaricabile qui.

Tags: EU Policysingle market and SMEs_itsocial affairs itSouth Tyrol

Rassegna stampa 09.06.2016 dell'Ufficio di Bruxelles

Viene oggi pubblicata la rassegna stampa settimanale dell’Ufficio di Bruxelles della Provincia Autonoma di Bolzano con i più importanti sviluppi europei.
É anche possibile consultare l’EU Update sul tema "PMI e Ingegneria Finanziaria in Horizon 2020".

Qui di seguito i titoli delle notizie:

Tags: Rassegnastampa BolzanoSouth Tyrol

Leggi tutto...

EU Update “PMI e Ingegneria Finanziaria in Horizon 2020”

Il 24 maggio 2016, l'Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE), la Banca Popolare di Sondrio e Coopération Bancaire pour l'Europe (CBE) hanno presentato la pubblicazione "PMI e Ingegneria Finanziaria in Horizon 2020“ presso il Parlamento Europeo .
Ad un anno dal lancio del Piano di investimenti per l’Europa (meglio noto come “Junker Plan”) e, in particolare, dalla creazione del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici, la necessità di trovare sinergie tra questi nuovi strumenti e le altre strategie di investimento europeo e stimolare il loro utilizzo da parte dei diversi attori europei è attualmente al centro dell’attenzione delle Istituzioni comunitarie e non solo.
A tal proposito, e come sottolineato da Gianluigi di Bello, Enrico Mazzon e Giorgio de Bin, la pubblicazione vuole offrire un supporto concreto alle Piccole e Medie Imprese (PMI) nonché alle banche e agli enti pubblici territoriali nell’utilizzo degli strumenti di finanziamento al fine di stimolare lo sviluppo e l’occupazione nei territori anche tramite la valorizzazione delle risorse europee.
La guida è divisa in tre parti, la prima delle quali si concentra sulle nuove opportunità per le imprese offerte dal Piano Junker, spiegando la struttura e gli strumenti della strategia orientata al rilancio della crescita e dell’occupazione in Europa nonché quali sono le tipologie di progetti eleggibili nell’ambito del FEIS, i meccanismi di valutazione delle richieste di finanziamento e quali sono i servizi di supporto alle imprese che desiderano presentare un progetto nel quadro del FEIS.
La seconda parte della pubblicazione è invece dedicata alle nuove opportunità di accesso al credito per le PMI innovative e in particolare agli strumenti finanziari per il biennio 2016-2017 erogati direttamente dalla BEI o da intermediari finanziari selezionati da quest’ultima. Inoltre, vengono presentati altri prodotti finanziari e i servizi di consulenza di InnovFin.
L’ultima parte della pubblicazione è anche la parte più “operativa” ed offre consigli ed esempi su come scrivere una proposta di successo mediante lo strumento PMI di Horizon 2020 focalizzandosi in particolare sulla “fase finale” dello strumento e sulle procedure per presentare una dimostrazione di interesse agli istituti finanziari.
Al momento le copie della pubblicazione sono disponibili solo in formato cartaceo presso gli uffici APRE di Bruxelles e Roma e la filiale della BA.PO.SO di Milano. Tuttavia, gli interessati a ricevere una copia cartacea della guida, possono contattare l’Ufficio di Bruxelles della Provincia autonoma di Bolzano all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. richiedendone una copia.

Versione PDF scaricabile qui.

La liste degli EU Updates è disponibile qui.

Tags: EU Updateinvestments itSouth Tyrol

Report “PMI e ingegneria finanziaria in Horizon 2020”

Il 24 maggio 2016, l'Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE), la Banca Popolare di Sondrio e Coopération Bancaire pour l'Europe (CBE) hanno presentato la pubblicazione "PMI e Ingegneria Finanziaria in Horizon 2020“ presso il Parlamento Europeo. Nel corso della conferenza, anche in vista del processo di revisione del programma Horizon 2020 (H2020), sono state inoltre avanzate proposte per risolvere alcune criticità rilevate nell’utilizzo degli strumenti di finanziamento europei.

La versione completa è scaricabile qui.

Tags: EU Policyinvestments itSouth Tyrol

Newsletter von Tirol vom 08.06.2016

Tirol in Europa 19-16

Tags: NewsletterNewsletter TyrolTyrol

Leggi tutto...

Pubblicata l’Agenda europea per la sharing economy

La sharing economy rappresenta oggi un potenziale motore di crescita e sviluppo dell’Europa.  Questo nuovo modello di business si basa su tre elementi fondamentali:

1. la condivisione, intesa come utilizzo comune delle risorse, al di là delle tradizionali forme di distribuzione e scambio,

2. la relazione peer-to-peer, ovvero la condivisione a livello orizzontale, tra persone o organizzazioni, al di fuori della logica produttore/professionista-consumatore,

3. il supporto tecnologico di una piattaforma, attraverso la quale incrementare la fiducia dei consumatori e creare una sorta di “reputazione digitale” per coloro che, pur non essendo operatori tradizionali, forniscono beni e servizi attraverso la rete.

Pur essendo la sharing economy un fenomeno in crescita, nell’Unione europea non è previsto alcun tipo di regolamentazione unitaria ad essa applicabile e ciò genera incertezza negli operatori tradizionali, nei nuovi entranti nel mercato e nei consumatori. Come già preannunciato nella Strategia per il mercato unico, la Commissione europea ha pertanto lanciato, il 2 giugno, una guida destinata agli Stati membri, attraverso la quale promuovere uno sviluppo equilibrato di questo modello di business.

Le linee guida, denominate Agenda europea per la sharing economy, spiegano come applicare a tale forma di scambio di beni e servizi la disciplina dell’Unione attualmente vigente e statuiscono che:

1. il regime delle licenze e autorizzazioni per i fornitori di servizi deve essere utilizzato come ultima risorsa, anziché come prassi, e deve essere motivato da ragioni di interesse pubblico. Esso non è inoltre applicabile alle piattaforme di condivisione qualora agiscano solo come intermediari,

2. le piattaforme possono essere considerate esenti da responsabilità per le informazioni fornite da soggetti terzi da esse contenute. Sono invece soggette a responsabilità per i servizi da esse direttamente erogati,

3. pur non imponendo eccessivi oneri in capo ai prestatori di servizi occasionali, gli Stati membri devono garantire alti livelli di protezione dei consumatori, specialmente con riferimento alle pratiche commerciali scorrette,

4. le piattaforme sono soggette a imposizione fiscale, il cui regime dovrebbe essere reso il più semplice e chiaro possibile.

Attraverso queste linee guida la Commissione invita gli Stati membri ad analizzare e ove necessario riformare la propria normativa nazionale sulla sharing economy.

Tags: flash news italianosingle market and SMEs_itTrentino

Workshop su Big Data e Open Data

Il 27 maggio 2016, presso l'Ufficio spagnolo per la scienza e la tecnologia a Bruxelles, si è tenuto il workshop dal titolo "Big Data PPP-Info Session".

La Commissione europea considera lo sviluppo degli open data un mezzo importante per garantire una migliore governance e trasparenza delle attività pubbliche, nonchè per favorire la partecipazione attiva dei cittadini, l'efficienza e la responsabilità amministrativa.

La versione integrale del report dell'incontro è consultabile al seguente link.

 

 

Tags: single market and SMEs_itTrentino

A un anno dalla nascita del FEIS la Commissione Junker lancia il Portale europeo sui progetti d’investimento

Diciotto mesi dopo il lancio del Piano d’investimenti per l’Europa da parte del Presidente Jean-Claude Junker e a un anno dalla nascita del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), la Commissione europea si ferma a riflettere su come implementarlo ed estenderne l’operatività oltre il 2018, attraverso la Comunicazione sull’Agenda del mercato unico per l’occupazione, la crescita e gli investimenti, pubblicata il 1 giugno.

Gestito dalla Banca europea degli investimenti, il FEIS dovrebbe, entro la prima metà del 2018, mobilitare capitali ed investimenti nell’economia reale per oltre 315 miliardi di euro. Il Fondo è attualmente attivo in 26 Paesi e finanzia 64 progetti, per un totale di 9,3 miliardi di euro. Tramite il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) sono stati inoltre firmati 185 accordi d’impegno tra la Commissione e le PMI, per un totale di 3,5 miliardi. Si stima che quasi 150.000 piccole e medie imprese trarranno benefici da questi accordi.

Nel presentare la Comunicazione, il Vice-Presidente, nonché Commissario per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività Jyrki Katainen ha inoltre sottolineato l’importanza del nuovo Portale europeo sui progetti di investimento (EIPP). Lanciata anch’essa il 1 giugno, questa piattaforma ha l’ambizioso obiettivo di trasformarsi nel luogo d’incontro virtuale tra i promotori di progetti europei, incrementando al contempo la visibilità di tali progetti all’interno e oltre i confini dell’Unione e attirando gli investitori stranieri.

La Comunicazione sull’Agenda del mercato unico illustra le attività promosse dall’UE per creare un ecosistema favorevole alle imprese, che incoraggi gli investimenti nell’innovazione e nel capitale umano. Le suddette attività si suddividono nel lancio di consultazioni pubbliche e nella revisione e implementazione degli strumenti già esistenti. Il nucleo centrale della riforma è costituito dalla Strategia per il mercato unico, dalla Strategia per il mercato unico digitale e dal Piano d’azione per creare il mercato dei capitali dell’Unione.

Nell’ambito del mercato dei capitali la Commissione ritiene fondamentale migliorare la connessione tra risparmio e investimenti, anche attraverso la promozione del venture capital e della tutela della capacità bancaria di concedere prestiti alle PMI. Per facilitare la crescita di nuove imprese, essa propone di creare un Fondo paneuropeo di fondi venture capital che combinino capitali pubblici e privati. A breve saranno inoltre lanciate due consultazioni pubbliche:

- la prima in vista della nuova iniziativa legislativa sulle procedure di insolvenza e le ristrutturazioni aziendali, con l’obiettivo di migliorare la certezza giuridica degli investitori stranieri e facilitare una miglior circolazione dei capitali

- la seconda per incoraggiare la diffusione dei prodotti pensionistici su base volontaria, al fine di sbloccare ulteriori capitali per gli investimenti a lungo termine.

Verrà infine rafforzato il quadro legislativo per i servizi finanziari.

Dal punto di vista della Strategia per il mercato unico digitale la Commissione mira a rendere le imprese più competitive sul mercato globale. Sarà pertanto necessario abbattere le barriere amministrative e legali, incluse quelle legate alla tassazione, che limitano la loro possibilità di espandersi a livello transnazionale. Grazie al nuovo pacchetto per l’e-Commerce, lanciato in maggio, verranno inoltre rimossi i costi di roaming entro giugno 2017.

La Commissione prevede poi di rivedere la Direttiva sui media e i servizi audiovisivi e il Regolamento per la cooperazione in materia di protezione dei consumatori e di dare il via a una serie di iniziative follow up rispetto al Piano d’azione sull’IVA. L’imposta sul valore aggiunto contribuisce infatti per oltre il 7% al PIL europeo e tutte le imprese devono confrontarsi con essa. E’ pertanto necessario creare un sistema di imposizione e riscossione semplice, moderno e a prova di frode, che sia maggiormente funzionale al commercio elettronico tra consumatori e venditori residenti in diversi Paesi membri e più sostenibile per le PMI.

Nell’ambito dei rapporti tra governi e imprese la Commissione promuove l’implementazione dell’e-Government Action Plan per favorire lo sviluppo dell’e-procurement e stimolare la domanda di prodotti e servizi digitali e innovativi.

In autunno verrà lanciata un’iniziativa legislativa per migliorare la funzionalità della procedura di notificazione dei servizi e nel 2017 verrà rivisto il Regolamento per il mutuo riconoscimento dei prodotti messi in commercio nei diversi Paesi membri. L’obiettivo è quello di semplificare la procedura attraverso cui gli imprenditori devono dimostrare che il loro prodotto è messo legalmente in commercio in uno Stato dell’Unione, favorendo quindi la libera circolazione dei loro prodotti, ma adottando anche idonei misure per impedire la vendita di prodotti non a norma.

Tags: flash news italianosingle market and SMEs_itinvestments itTrentino

Rassegna stampa 02.06.2016 dell'Ufficio di Bruxelles

Viene oggi pubblicata la rassegna stampa settimanale dell’Ufficio di Bruxelles della Provincia Autonoma di Bolzano con i più importanti sviluppi europei.
É anche possibile consultare l’EU Update sul tema "Cittadinanza dell'Unione europea".


Qui di seguito i titoli delle notizie:

Tags: Rassegnastampa BolzanoSouth Tyrol

Leggi tutto...

Il riconoscimento dell’educazione non formale come mezzo d’integrazione sociale dei migranti

Il 12 maggio 2016 si è tenuta, presso la Rappresentanza permanente a Bruxelles dei Paesi Baschi, l'assemblea annuale di Earall, il network di autorità regionali e locali che si occupano di apprendimento permanente, durante la quale si è discusso sulla possibilità di integrare i migranti attraverso il riconoscimento dell'educazione non formale ricevuta nel Paese d'origine.

Nel solo 2015 sono arrivati in Europa 1.3 milioni di migranti. Permettere loro di accedere al mercato del lavoro rappresenterebbe un importante punto di svolta nel cammino dell’integrazione nella nostra società. Spesso però nei Paesi di provenienza il ciclo formale dell’istruzione è sostituito dall’apprendimento informale.

La fondazione tedesca Bertelsmann si è interessata alla questione, con un approccio che peraltro non riguarda solo i rifugiati: ben 5.8 milioni di tedeschi non riescono infatti ad accedere al mercato del lavoro in quanto non formalmente diplomati. Il sistema di convalida dei titoli, proposto dal Consiglio europeo già nel 2012, servirebbe dunque anche a loro, per poter spendere lavorativamente le competenze acquisite in un ciclo di studi non formale.

La versione integrale del report è disponibile a questo link

Tags: Culture and Education itaTrentino

EU Update "Cittadinanza dell'Unione europea"

Nell'ultimo numero dell'EU Update si parla di "Cittadinanza dell'Unione europea".

Versione PDF scaricabile qui.

La liste degli EU Updates è disponibile qui.

Tags: EU UpdateSouth Tyrol

Tavola rotonda sulla politica relativa ai rifugiati

Il 31 maggio 2016, la Rappresentanza comune del Land Tirolo, della Provincia Autonoma di Bolzano e della Provincia Autonoma di Trento ha ospitato una discussione sul tema "Europas Flüchtlingspolitik zwischen wirtschaftlicher Integration und humanitärer Hilfe". L’evento è stato organizzato dalla Fondazione Hanns Seidel, dallo European Economic Senate e dalla European Taxpayer Association. I temi della discussione erano la politica relativa ai rifugiati della Unione Europea e degli Stati membri. La questione dell’integrazione è stata discussa in maniera approfondita, soprattutto in riferimento alle iniziative della Baviera. Herbert Dorfmann, membro del Parlamento Europeo faceva parte del panel. Dorfmann ha affrontato la problematica dei controlli frontalieri che minacciano l’idea dell’Unione Europea e di una gestione efficace delle frontiere esterne, questioni che, per la loro rilevanza, meriterebbero di essere affrontate a livello unionale.

IMG 9093

Newsletter von Tirol vom 01.06.2016

Tirol in Europa 18-16

Tags: NewsletterNewsletter TyrolTyrol

Leggi tutto...