Il 23 settembre 2016 si è tenuto presso la Rappresenta delle Regioni Tirolo-Alto Adige-Trentino il meeting conclusivo del progetto CIVIS. Il progetto, co-finanziato dal settimo programma quadro per la ricerca scientifica dell'Unione Europea, è il risultato della collaborazione tra 12 partner provenienti da 6 Paesi europei, tra cui figurano l'Università di Trento, la Fondazione Bruno Kessler, Create-net e l'Imperial College London. CIVIS, nato con la finalità di contribuire alla sviluppo di città sempre più intelligenti, ha sviluppato un sistema ICT che permette di gestire il fabbisogno energetico delle comunità locali, negoziare accordi di servizio in ambito energetico individuali e collettivi, sviluppare una maggiore consapevolezza dell'impatto ambientale dei consumi energetici e allocare in maniera più efficiente le risorse per la produzione di energia.

unitn

 

Nell'ambito dell'incontro in oggetto i partner del consorzio,  hanno preparato l'ultimo, importante incontro con la Commissione europea, previsto per il giorno giovedì 24 Novembre. Durante la giornata di giovedì verranno infatti presentati i risultati finali di CIVIS al Project officer ed ai revisori, che daranno il loro giudizio sul lavoro svolto durante gli ultimi anni. Più di tre anni fa, proprio nella stessa sede in Rue de Pascale, il progetto CIVIS aveva compiuto i suoi primi passi, quando i partner si erano incontrati per la prima volta. Un ritorno alle origini, insomma, per questa chiusura dei lavori.

L’idea del Progetto CIVIS è nata dalla considerazione che l’energia può essere convertita in un bene che le persone possono consumare, generare e gestire in base ai loro bisogni, preferenze e valori. Il progetto ha esplorato il potenziale dei social network e dei legami sociali per ridurre l’uso di energia. Gli obiettivi sono stati raggiunti grazie allo sviluppo e test di una piattaforma IT che consente di sviluppare un modello nuovo e smart per la gestione dell’energia sia a livello di singoli consumatori che di comunità.

CIVIS ha seguito un approccio empirico di ricerca e sviluppo che ha coinvolto quattro siti pilota, due dei quali situati in Italia (Provincia di Trento) e due in Svezia (quartieri di Stoccolma). I partner di progetto hanno testato e valutato le tecnologie necessarie, chiarito i potenziali di business e stimato gli impatti che questo approccio potrebbe avere su larga scala.

Tags: EUTIPS SUPPORTO itaEUTIPS SUPPORTO engEUTIPS SUPPORTO deenergy_and_environment_ITAresearch and innovation it