Da un'indagine Eurobarometro del 2019 è emerso che il 93% dei consumatori riconosce l'etichetta energetica UE e che il 79% decide quale prodotto acquistare dopo averla letta. A partire da lunedì 1º marzo 2021 è applicabile in tutti i negozi e in tutti i punti vendita online una nuova versione della famosa etichetta energetica UE. I commercianti hanno a disposizione 14 giorni lavorativi a partire dal 1º marzo per cambiare le etichette esposte nei negozi e nei punti vendita online.

Nuove etichette energetiche

Dopo uno studio preparatorio che ha passato al vaglio gli aspetti tecnici, economici, ambientali e sociali di ciascun gruppo di prodotti, sono stati ampiamente consultati i portatori di interessi (industria, organizzazioni dei consumatori, ONG ambientaliste, rappresentanti degli Stati membri, ecc.) di ciascun gruppo di prodotti. Il progetto della Commissione è stato ulteriormente discusso da esperti e successivamente approvato dai rappresentanti degli Stati membri. Infine, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno avuto due mesi a disposizione per esaminarlo e sollevare eventuali obiezioni.

Poiché un numero sempre maggiore di prodotti ha raggiunto le classi A +, A + + o A + + + secondo la scala attuale, la modifica più importante delle nuove etichette è il ritorno alla più semplice scala A-G, più rigorosa e concepita in modo che pochissimi prodotti siano inizialmente in grado di ottenere la classificazione "A", lasciando un buon margine all'inclusione di prodotti più efficienti in futuro. i prodotti energeticamente più efficienti presenti ora sul mercato saranno infatti, di norma, etichettati "B", "C" o "D". Le etichette contengono elementi nuovi, tra cui un link QR a una banca dati a livello UE che consentirà ai consumatori di trovare maggiori dettagli sul prodotto. Dal punto di vista dei consumatori la nuova etichetta è in teoria già visibile dal novembre scorso, e infatti i consumatori che hanno acquistato prodotti negli ultimi mesi avranno trovato sull'imballaggio due etichette (la vecchia e la nuova).

Le modifiche entrate in vigore il 1º marzo 2021 riguardano i regolamenti seguenti, adottati dalla Commissione nel marzo 2019:

Le prime quattro categorie di prodotti con la nuova etichetta energetica al 1º marzo 2021 sono:

  • frigoriferi e congelatori, compresi i frigoriferi cantina (per la conservazione dei vini),
  • lavastoviglie, 
  • lavatrici e lavasciuga biancheria e
  • televisori e altri monitor esterni, come i display per computer, che ottengono un'etichetta per la prima volta. Avranno una nuova etichetta anche gli armadi frigoriferi commerciali, un nuovo gruppo di prodotti in cui rientrano gli apparecchi di refrigerazione utilizzati nei negozi e i distributori automatici.

A partire dal 1º settembre 2021 le nuove etichette si applicheranno anche alle lampadine e alle lampade con sorgenti luminose fisse.

Il regolamento quadro sull'etichettatura energetica prevede che il prossimo gruppo di prodotti sia:

  • asciugabiancheria,
  • apparecchi per il riscaldamento d'ambiente locale, i
  • condizionatori d'aria,
  • apparecchi di cottura,
  • unità di ventilazione,
  • armadi frigoriferi professionali,
  • apparecchi per il riscaldamento d'ambiente e scaldacqua e
  • caldaie a combustibile solido.

I lavori preparatori per la regolamentazione di questi prodotti sono ancora alla fase iniziale.


Giulia firma web

La versione completa in PDF è scaricabile qui.

Le altre edizioni degli EU Update sono consultabili qui.

 

Tags: EU UpdateCulture and Education engenergy_and_environment_ITASouth Tyrol