IIl meccanismo per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility – CEF) è uno strumento di finanziamento dell’Unione europea volto a promuovere un collegamento migliore degli Stati membri attraverso il sostenimento finanziario delle reti trans-europee (Trans-European Network - TEN) nei campi del trasporto, dell’energia e dei servizi digitali. Il CEF incentiva la realizzazione di progetti di infrastruttura con effetti transfrontalieri da parte delle autorità pubbliche e degli operatori privati. Le infrastrutture moderne, efficienti e sostenibili sono un fattore essenziale per la creazione di nuovi posti di lavoro e per incentivare la crescita economica. Un’Unione ben collegata rende più facile ai cittadini e alle imprese di trarre vantaggio dalla libera circolazione e dal mercato unico.
La visione seguita dalla Commissione europea nell’attuazione del meccanismo per collegare l’Europa è un infrastruttura moderna, sicura, pulita ed intelligente che fornirà benefici tangibili alle imprese e ai cittadini. Secondo la proposta della Commissione, il CEF, nel periodo 2021 – 2027 dovrebbe anche promuovere la cooperazione transfrontaliera in tema di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Il CEF nel periodo 2021 – 2027
Per il periodo 2021 – 2027 il bilancio proposto dalla Commissione ammonta a 42 miliardi di euro, con i cui saranno sostenuti progetti di infrastruttura nei tre settori di attività:


Trasporti
Nel settore dei trasporti, con un bilancio complessivo di 30,6 miliardi di euro, il CEF finanzierà progetti strategici al fine di proseguire il lavoro sulla rete europea dei trasporti. Ciò comprende il completamento della rete centrale europea (ossatura portante strategica) entro il 2030. Il CEF finanzierà anche la realizzazione di sistemi europei di gestione del traffico per tutte le modalità di trasporto, contribuendo così a una mobilità più efficiente, sicura, interconnessa e sostenibile.
La proposta della Commissione mira anche alla decarbonizzazione dei trasporti, alla fine di raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi sulla riduzione delle emissioni di gas serra. In questo contesto il CEF sosterrà, ad esempio, la realizzazione di una rete europea di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici e carburanti alternativi.


Engergia
Il CEF finanzierà, con un bilancio di 8,7 miliardi di euro, il completamento delle reti energetiche transeuropee, contribuendo così alla realizzazione dell’Unione dell’energia. In questo settore saranno finanziati, inoltre, misure che mirano alla decarbonizzazione, in particolare attraverso l'integrazione delle fonti di energia rinnovabile, e alla sicurezza dell'approvvigionamento, rendendo tra l'altro intelligenti e digitali le infrastrutture.


Digitale
Nel settore digitale il CEF, con un bilancio di 3 miliardi di euro, sosterrà la creazione di infrastrutture digitali di ultima generazione, che sono fondamentali per il completamento del mercato unico digitale. La realizzazione di reti digitali ad altissima capacità, come le reti 5G e la rete in fibra ottica, è utile per tutti i servizi digitali innovativi, compresi quelli di mobilità interconnessa e altri servizi di interesse pubblico. Il meccanismo contribuirà a garantire che i principali fornitori di servizi pubblici, come le ospedali, le università, i nodi di trasporto e le imprese ad alta intensità digitale dispongono di una connessione a banda larga.

Markus Weger

 

La versione completa in PDF (in lingua tedesca) è scaricabile qui.

Le altre edizioni degli EU Update sono consultabili qui.

Tags: EU Updateenergy_and_environment_ITAMobility itresearch and innovation itSouth Tyrol