Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 28 febbraio 2018 due nuove norme che semplificano la legislazione comunitaria in materia di trasporto e rintracciabilità d’origine dei vini. I regolamenti, varati dalla Commissione, mirano a ridurre il carico burocratico e a incentivare la digitalizzazione dei documenti di trasporto dei vini, a proteggere le denominazioni di origine dei prodotti vitivinicoli e a stabilire nuove regole per gli impianti viticoli.

Nella prima parte del regolamento delegato (UE) 2018/273 dell’11 dicembre 2017 la Commissione Europea delinea ulteriormente, rispetto al regolamento (UE) 1308/2013, i criteri generali di ammissibilità delle autorizzazioni degli impianti viticoli. In particolare modo viene posta attenzione alle zone di produzione viticole DOC e IGP. Lo stesso regolamento mira a specificare nel dettaglio le condizioni relative alla tenuta dei documenti di accompagnamento per il trasporto dei prodotti vitivinicoli da parte dei soggetti iscritti nei registri nazionali dedicati, così come i casi in cui la documentazione non è d’obbligo. Una particolare attenzione viene posta nell’incentivare l’impiego del formato elettronico nella compilazione dei registri, con l’obiettivo di passare al formato digitale entro il 2020. Queste norme si applicano sia nella movimentazione dei vini all’interno dell’Unione sia nella commercializzazione con i Paesi terzi. Il regolamento delegato (UE) 2018/273 stabilisce nel dettaglio le modalità di etichettatura delle partite di vino prodotto nell’Unione destinate all’export in Paesi terzi. Queste indicazioni, che possono essere impiegate come una certificazione di origine e salubrità, sono molto importanti nella tutela delle eccellenze enoiche europee designate con i marchi DOC e IGP. L’allegato VI del regolamento stabilisce i criteri applicativi del certificato per l’esportazione di vini in Paesi extra-UE. Con il regolamento di esecuzione (UE) 2018/274 dell’11 dicembre 2017 la Commissione Europea intende invece fornire le specifiche tecniche relative ai criteri di autorizzazione per reimpianti e nuovi impianti vitivinicoli. A inizio febbraio è entrato in vigore anche il regolamento (UE) 2018/175 del 2 febbraio 2018 della Commissione Europea in materia di etichettatura e metodi di produzione delle bevande
Nuove norme semplificano rintracciabilità e trasporto di vini e spiritosi
15.03.2018
spiritose. Il regolamento si è reso necessario per chiarire alcune interpretazioni sui metodi produttivi e i nomi garantiti di alcune prodotti europei di origine protetta. Questi regolamenti si inseriscono nella prospettiva di unificare la regolamentazione comunitaria sugli impianti, le certificazioni di origine, i documenti di trasporto ed export per il vino e le bevande spiritose.

 

Luca Marconcini

 

La versione completa in PDF è scaricabile qui.

Le altre edizioni degli EU Update sono consultabili qui.

Tags: EU Updatehealth and consumer itasingle market and SMEs_itSouth Tyrol