Nuove tecnologie ceramiche e dispositivi innovativi e strutture ceramiche multifunzionali, 23 settembre 2015

Il 23 settembre il consorzio CERMAT2 si è riunito presso la Rappresentanza della Regione europea Tirolo-Alto Adige-Trentino per la riunione di mid-term review del progetto.

Il progetto CERMAT2 mira alla formazione di giovani ricercatori nella comprensione dei modelli di Meccanica dei Solidi applicati alla produzione e alla progettazione di ceramici avanzati in collaborazione sinergica tra Università e Industria, in vista agli sviluppi sociali collegati al miglioramento della produzione industriale e alla riduzione dell'inquinamento. Gli obiettivi verranno perseguiti attraverso una metodologia di insegnamento attraverso la ricerca focalizzata a:

1. miglioramento dei processi di compattazione di polveri ceramiche e progettazione di componenti ceramiche;

2. fondamentale comprensione del comportamento di materiali granulari e compositi;

3. sviluppo di materiali e strutture ceramiche multifunzionali.                                            

Il Consorzio CERMAT2 coinvolge cinque istituzioni accademiche (UNITN specializzata in meccanica dei solidi, con competenze nel settore ceramico; RUT specializzata in meccanica computazionale e sperimentale; UoL specializzata in matematica applicata; AU specializzata nella modellizzazione matematica; BU specializzata nella caratterizzazione dei materiali tramite analisi inversa) e tre aziende (Cerel, una unità produttiva di un istituto di ricerca applicata, specializzata nello sviluppo di materiali ceramici e tecnologia manifatturiera; ES, una piccola e media impresa specializzata in computer aided engineering, prototipazione virtuale, simulazione di processo e ottimizzazione dei processi di progettazione e produzione; VESUVIUS, una piccola e media impresa appartenente al gruppo VESUVIUS presente in tutto il mondo, produttrice di pezzi ceramici, prodotti refrattari e sistemi di controllo di flusso).

Tags: event italiano