Il 14 novembre 2017 il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha istituito ufficialmente la "Task force sulla sussidiarietà, proporzionalità e "il fare meno in modo più efficiente". La task force ha iniziato suoi lavori il 1° gennaio 2018 ed è presieduta da Frans Timmermans, primo Vicepresidente della Commissione, responsabile del miglioramento della regolamentazione, delle relazioni interistituzionali, dello stato di diritto e della Carta dei diritti fondamentali.
Gli altri membri della task force sono sei, nominati in egual misura dai parlamenti nazionali e dal Comitato delle Regioni.


Nel suo discorso sullo Stato dell'Unione del 13 settembre 2017, il presidente Juncker aveva presentato la sua visione per l'Unione europea nel 2025, sulla base del dibattito lanciato dal Libro bianco sul futuro dell'Europa. Uno dei cinque scenari presentati – il quarto - era intitolato "Doing less more efficiently" (Fare meno in modo più efficiente). Secondo questo scenario l'Unione Europea dovrebbe intensificare il proprio lavoro in determinati campi, mentre essere meno o per nulla attiva nei settori nei quali c’è una percezione più limitata del valore aggiunto della sua azione.
I principi di sussidiarietà e proporzionalità sono stabiliti all'articolo 5 del Trattato sull'Unione europea. Il principio di sussidiarietà mira a garantire che le decisioni siano prese il più vicino possibile ai cittadini e che l'UE non intraprenda azioni a meno che non sia più efficace del livello nazionale, regionale o locale. Il principio di proporzionalità limita l'esercizio delle competenze dell'UE in merito a quanto è necessario per conseguire gli obiettivi dei trattati.
Accanto agli scenari presentati nel 2017, già a partire dal 2014, le linee guida politiche del presidente Juncker hanno imposto alla Commissione di rivalutare i propri processi decisionali, attraverso l’iniziativa “Better regulation” (Regolamentazione migliore).
Sotto questa azione sono raggruppati infatti alcuni degli obiettivi della Commissione Juncker per assicurare un processo legislativo migliore:

  • un processo decisionale più aperto e trasparente;
  • l’assicurazione che i cittadini e le parti interessate possano contribuire a tutto il processo politico e legislativo;
  • la certezza che le azioni dell'UE si basino su prove certe e la comprensione dell’impatto delle politiche adottate;
  • l’assicurazione che gli oneri derivanti dalle norme che gravano su imprese, cittadini o amministrazioni pubbliche siano ridotti al minimo.

Il lavoro della task force contribuirà all'ulteriore evoluzione dell'Unione europea nel contesto della tabella di marcia della Commissione. Lo farà formulando raccomandazioni su come applicare meglio i principi di sussidiarietà e proporzionalità, identificando le aree politiche in cui il lavoro potrebbe essere delegato o definitivamente restituito ai paesi dell'UE e trovando modi per coinvolgere maggiormente le autorità regionali e locali nell'elaborazione e attuazione delle politiche dell'UE.
La Task Force riferirà al Presidente della Commissione europea entro il 15 luglio 2018.

Giulia Chiarel

 

 

La versione completa in PDF è scaricabile qui.

Le altre edizioni degli EU Update sono consultabili qui.

Tags: EU Updateregional policy itSouth Tyrol