Il 12 ottobre 2017 la Rappresentanza della Regione Europea Tirolo-Alto Adige-Trentino ha ospitato il seminario "Accelerare lo sviluppo del mercato dell'efficientamento energetico degli edifici in Europa", co-organizzato da ICLEI, dall'Ufficio di collegamento con l'UE della Provincia autonoma di Bolzano e dall' Ufficio per i rapporti con l'UE della Provincia autonoma di Trento. Il seminario ha riunito relatori e partecipanti provenienti da diverse regioni europee che hanno discusso le sfide comuni che le amministrazioni regionali devono affrontare per aumentare lo sviluppo del mercato dell'eficientamento energetico degli edifici.

Il deputato europeo Herbert Dorfmann ha aperto i lavori, sottolineando che in Europa gli edifici sono responsabili per il 40% dei consumi energetici e del 36% delle emissioni di CO2. Migliorando l'efficienza energetica dello stock di edifici in Europa, l'UE potrebbe ridurre il suo consumo energetico totale del 5-6% e abbassare il lòivello delle emissioni di CO2 di circa il 5%.

I rappresentanti delle Autorità regionali e locali hanno poi illustrato le sfide postes dalla promozione del rinnovamento energetico degli edifici, sottolineando le buone pratiche dei loro contesti locali. Molti di loro hanno lamentato che il processo di ristrutturazione è visto come troppo intrusivo, il che significa che i proprietari degli edifici preferiscono farsi carico di costi energetici più elevati piuttosto che affrontare i passi necessari per aumentare l'efficienza energetica delle loro abitazioni. Un altra criticità sottolineata è rapparesentata dal fatto che il ritorno sugli investimenti in questo ambito di attività è piuttosto lungo e tale prospettiva rende il settore poco attrattivo per gli investitori che di solito privilegiano rendimenti a breve termine.

 

  • IMG_20171012_154030.jpg
  • IMG_20171012_164948.jpg
  • IMG_20171012_174048.jpg
  • P1000709.JPG

 

Ulrich Klammsteiner, vice direttore e responsabile tecnico, dell'Agenzia per l'energia KlimaHaus/CasaClima della Provincia autonoma di Bolzano, ha sottolineato la necessità di promuovere gli edifici a zero consumo di energia come edifici "a zero problemi", evidenziando l'impatto positivo che essi hanno sulla qualità della vita.
Silvia Debiasi, dell'Agenzia per le risorse ideriche e l'energia (APRIE) ha condiviso l'esperienza della Provincia Autonoma di Trento presentando alcuni progetti e iniziative chiave come lo schema di incentivi per l'adeguamento energetico dei condomini che si stima arriveranno a mobilitare un volume di circa 130 milioni di euro EUR di investimenti quest'anno, ed il progetto  "FINERPOL" co-finanziato dal Programma INTERREG Europacon il cui obiettivo in Provincia di Trento è di individuare alcuni edifici da ristrutturare utilizzando strumenti innovativi di finanziamento degli interventi che permettano di massimizzare l'effetto leva sugli investimenti privati riducendo i costi finanziari della transazione.

Esperti e project manager di diverse organizzazioni hanno concluso la discussione portando la propria esperienza sul comportamento degli investitori. I relatori hanno concordato che non esiste una sola soluzione adatta a tutti e come  il successo delle ristrutturazioni profonde in tutta Europa sia legato a un insieme di misure: implementazione di normative tecniche e fiscali che incoraggino gli incentivi per la ristrutturazione e l'istituzione di processi partecipativi all'interno delle comunità locali che permettano di fare emergere i benefici economici e sociali delle ristrutturazioni.
L'evento è stato sostenuto dal progetto ABRACADABRA finanziato dall'UE, daICLEI e dal Building Efficiency Accelerator.

 

Presentazione ppt - Casa Clima

Presentazione ppt - APRIE

Tags: event italianoenergy_and_environment_ITASouth TyrolTrentino