E' stata recentemente pubblicata dalla Commissione europea la prima edizione del rapporto dell’Osservatorio della cultura e della creatività urbana. L'Osservatorio ha selezionato 168 città in 30 paesi europei (UE28, Norvegia e Svizzera) che si sono distinte nel campo culturale e creativo.

Queste città sono state scelte sulla base di tre criteri misurabili e comparabili e ne è risultato che, delle 168: 93 città sono state o saranno Capitali europee della cultura fino al 2019 o che sono candidate per diventarlo entro il 2021; 22 sono Città Creative dell’UNESCO; 53 città che hanno ospitato regolarmente due festival culturali internazionali almeno fino al 2015. La città di Trento è stata selezionata in quanto rientrante in quest’ultima categoria.

L’Osservatorio è un'iniziativa della Commissione europea sostenuto dal programma Europa creativa e realizzata dal Centro comune di ricerca (JRC), il servizio scientifico della Commissione. Esso fornisce dati comparabili sui risultati ottenuti dalle città europee in base ad una serie di indicatori in alcuni ambiti specifici, tra cui cultura e creatività ed evidenzia come tali risultati contribuiscono al loro sviluppo sociale, alla creazione di posti di lavoro e alla crescita economica.

Le città oggetto del monitoraggio da parte dell'Osservatorio sono selezionate in base a criteri quantitativi e qualitativi. Per quanto riguarda l’aspetto quantitativo, sono stati stati considerati 29 indicatori che riguardano tre principali aspetti: vitalità culturale, sociale ed economica delle città. La città di Trento si è distinta per «Vivacità culturale», all’interno del quale vengono misurate le performance in termini di infrastrutture culturali e partecipazione alla cultura (tra cui organizzazione di festival internazionali). Dal Report dell’Osservatorio «The Cultural and Creative Cities Monitor» del 2017 è emerso che le dimensioni di una città non determinano i suoi risultati nell’ambito culturale e che spesso sono le città di piccole e medie dimensioni ad ottenere i risultati migliori.

L' «Agenda europea per la cultura in un mondo in via di globalizzazione» è il quadro strategico di riferimento per lo sviluppo delle iniziative dell'Unione europea nell'ambito della cultura.
Con la sua adozione nel 2007, la cultura ha assunto un ruolo sempre più importante tra le varie politiche dell’UE e il settore della cultura e delle industrie culturali e creative è diventato un settore di rilievo per la crescita e la creazione di posti di lavoro.

L’Osservatorio della cultura e della creatività urbana rappresenta un importante sforzo nella misurazione e comprensione dei risultati delle città europee nell’ambito culturale e creativo. Quella corrente è la prima edizione del rapporto che è stato pubblicato in concomitanza con il lancio di una piattaforma online che offre agli utenti la possibilità di analizzare e comparare i dati relativi alle performance delle città selezionate.

Report "The Cultural and Creative Cities Monitor" 2017

Piattaforma Online dell'Osservatorio della cultura e della creatività urbana


 

Tags: flash news italianoCulture and Education itatourism itinvestments itTrentino