"LAB-FAB-APP: Investing in the European Future we want" è il titolo del Report sulla massimizzazione dell'imaptto dei programmi europei per la ricerca e l'innovazione, che è stato presentato in data 3 luglio 2017. Il documento è frutto del lavoro dell'High Level Group istituito dalla Commissione nel dicembre 2016, presieduto da Pascal Lamy, ex-Commissario europeo e composto da undici importanti personalità europee del mondo della ricerca.

Il lavoro del Gruppo di Alto Livello ed il Report che ne è risultato, si concentra sul tema della massimizzazione dell'impatto degli investimenti europei in ricerca e innovazione e si inserisce nel contesto generale della valutazione intermedia di Horizon2020, il principale programma europeo per la ricerca e l'innovazione per il periodo 2014-2020. 

Il Report parte dall’assunto che i due terzi della crescita economica degli ultimi vent’anni sono attribuibili ai progressi realizzati nel campo della ricerca e dell’innovazione. L’Unione Europea è certamente una potenza scientifica globale: basti considerare che con solo il 7% della popolazione mondiale, l’UE realizza il 30% delle pubblicazioni scientifiche. La diversità degli stati membri che la compongono, secondo il Report, rappresenta certamente un punto di forza, ma al tempo stesso risulta essere un ostacolo nella definizione di un strategia comune nel campo del R&I. Con una produzione di brevetti tre volte inferiore a quella del Giappone e un numero di cosiddette società-unicorno (start-up a rapida crescita, non quotate) cinque volte inferiore a quella degli Stati Uniti, l’UE risulta essere ancora un attore poco competitivo nel settore ricerca e innovazione a livello globale. Nei prossimi anni, le performance in questo settore saranno un fattore determinante che definirà il posto dell’UE nell’economia mondiale.

In questo contesto, il Report individua undici priorità, fondamentali per massimizzare l’impatto dei futuri programmi europei per la ricerca e l’innovazione. Tra queste emerge con forza la necessità di dare priorità a questo settore nel budget comunitario e in quelli nazionali, auspicando un incremento sostanziale (raddoppio) dei finanziamenti destinati al programma Horizon2020. La modernizzazione del programma dovrebbe passare anche dalla creazione ormai prossima di un European Innovation Council, che dovrebbe incaricarsi non solo di indirizzare con maggiore precisione gli investimenti verso le imprese ma anche di creare un nuovo sistema di valutazione delle proposte progettuali. Nel Report viene inoltre sottolineata l’esigenza di una maggiore sinergia tra il programma europeo di R&I e gli altri programmi europei. Nello specifico, per meglio coniugare le necessità di PMI e il settore della ricerca, viene proposto un incorporamento del programma COSME all’interno di Horizon2020. In conclusione, il Report evidenzia l’importanza della realizzazione di una European Research Area, obiettivo già presente nel Trattato di Lisbona e che costituirebbe un’area dove il sapere scientifico e la tecnologia possono circolare liberamente. 

Maggiori informazioni sul lavoro del Gruppo di Alto Livello sulla massimizzazione dell'impatto dei Programmi UE per la R&I sono reperibili qui.

LAB – FAB- - APP: Investing in the European future we want (in lingua inglese)

Tags: flash news italianoregional policy itresearch and innovation itsingle market and SMEs_itinvestments itTrentino