Evento: Smart Cities and SET Plan
Organizzazione: ERRIN
Data e Luogo: Martedì 13.06.2017, 14.00-16.00, Scotland House
Partecipanti: Giada Casarin

Jens Bartholmes, della DG Energy, ha fatto riferimento alla strategia europea per l’energia (Energy Union), la quale mira a raggiungere un tipo di energia sicura, sostenibile, competitiva ed economicamente accessibile. Il piano integrato SET (Strategic Energy Technology Plan), adottato nel 2008, si concentra in particolare su quelle tecnologie che avranno un impatto sul mercato europeo a partire dal 2020 ed include in sé diverse iniziative:
- Le Iniziative Industriali Europee (European Industrial Initiatives) sulle energie rinnovabili
- Le azioni di ricerca a lungo termine dopo il 2020, definite dall’Alleanza Europea per la Ricerca Energetica (EERA)
La strategia “Energy Union” delinea un percorso basato su diverse priorità di Ricerca e Innovazione, fra le quali ritroviamo: il coinvolgimento dei consumatori nella transizione energetica, sistemi di energia efficienti per gli edifici, sistemi di trasporto sostenibili. A questo proposito si segnala il sistema SETIS (Strategic Energy Technologies Information System) in cui è possibile ritrovare il programma completo nonché le sue 10 azioni chiave, che vanno dalla sicurezza nucleare alla produzione di tecnologie disponibili a costi ridotti. A ciascuna di queste azioni prioritarie corrisponde un cosiddetto “Temporary Working Group”, un gruppo lavoro temporaneo pensato per elaborare specifiche raccomandazioni in vista dell’implementazione del piano SET a livello nazionale e regionale. I gruppi così definiti possono essere composti da un massimo di 30 esperti all’interno di ciascun Stato membro.
Per quanto concerne il tema delle Smart Cities, si ricorda la “European Innovation Partnership on Smart Cities and Communities” (EIP-SCC), una rete di diversi attori (circa 5100 partner) presente in ben 31 Paesi e composta da 6 clusters di azione: partecipazione attiva della cittadinanza, progettazione urbana e quartieri sostenibili.

Qua si può leggere il report.

Tags: Newsenergy_and_environment_ITAresearch and innovation itSouth Tyrol